Archivi tag: leggere

Ioleanna

Il racconto con cui mi sono classificata terza al Premio letterario Poesia Onesta 2015 per la sezione “racconto breve”:

 

La signora Iole si affaccia al balcone ogni mattina alle sette e mezzo.

Con il sole, la pioggia, la neve, la grandine, gli ufo sospesi a mezz’aria che aspettano di attaccare il mondo, la signora Iole si affaccia e prende la sua tazza di tè in vestaglia.

Tè caldo anche d’estate. E la vestaglia pure: ogni volta è la stessa. Così come il trucco impastato sulle guance in un pancotto di mascara e non so cos’altro.

Lo sguardo raggrumato negli occhi è sempre buttato verso il mio palazzo, come se davvero la signora Iole pensasse o guardasse qualcosa, ma più sicuramente con la mente spenta; forse in attesa che qualche stilla di teina accenda quei minutissimi neuroni che immagino debba pur avere nel cervello. Ma comunque pochi, perché ritengo che la signora Iole sia piuttosto stupida, per esempio dubito che conosca la data della scoperta dell’America o a quale temperatura l’acqua geli, né il momento esatto in cui iniziare a tacere. Perché di sicuro la signora Iole sarà inopportuna, e leggera, come certe pulci d’acqua.

Non riesco invece a imbastirle addosso nessun lavoro. Ma sarà di certo un’occupazione che la costringa a rientrare a casa tardi la sera, per non darle nemmeno il tempo o la voglia di sfrattare quel pesto nero dalla faccia. E dopotutto non mi interessa affatto come la signora Iole riesca a procacciarsi i soldi per il suo tè delle sette e mezzo.

Ritengo invece emblematico l’averla incontrata una sola volta e che, in quella sola volta, lei gettasse via la spazzatura. E’ poi naturale che l’associazione sgorghi spontanea.

Non ho potuto fare a meno di notare lo smalto rosso scheggiato sulle unghie, lo sguardo fuggiasco di chi non ha niente da esprimere, i capelli appesi come stracci a quel mollettone di strass.

Non ho saputo resistere: l’ho salutata, per provocarla.

«Buonasera.»

Non ha nemmeno alzato lo sguardo, la signora Iole, mentre masticava il suo buonasera sbrigativo.

Mai nessuno che si affacci a quel balcone: mai un uomo, una donna, un bambino, un gatto. Soltanto lei. Iole. Che sia poi un diminutivo è possibile: ci si sbriga a pronunciare il suo nome purché finisca in fretta.

Sono due giorni però che la signora Iole manca al suo appuntamento delle sette e mezzo, benché le tapparelle della finestra siano alzate notte e giorno.

I casi sono due: o è malata o ha semplicemente finito il tè, la povera signora Iole.

***

Mi piacerebbe ascoltarti pronunciare il mio nome almeno una volta, nella mia vita. Sentirti dire: “Ciao, Anna” con la tua voce bassa, fatta della stessa consistenza del tuo mondo oscuro. Una voce che ricorda un qualche tipo di blu, di certi abissi mai raggiunti.

Non conosco altro di te che questo abisso.

So soltanto che ti affacci ogni mattina, che scosti la tenda e che guardi fuori verso la mia finestra; ed io resto immobile a immaginare il tuo sguardo e a sognare che sia lì per me.

Indossi spesso un completo scuro, una cravatta. T’invento attraversare le giornate in luminosi spazi dalle enormi finestre.

Ti ho incontrato una sola volta, nel cortile. Ho sentito i tuoi occhi guardarmi, e poi premere, come mi sezionassero.

Mi hai salutata e ho tremato tanto da non riuscire a risponderti, col respiro aggrappato al tuo. Non ho avuto, mai un istante, il coraggio di guardarti: temevo vedessi le mie rughe, il mio trucco disfatto, ma soprattutto che leggessi ogni cosa, che la mia passione scivolasse via da me, evidente.

Ho infilato le unghie nella spazzatura più che ho potuto per nascondere i graffi sulle dita, le mie nocche rovinate.

Mi dico che avrai saputo leggere la fine di una giornata di lavoro, mi convinco che sarai stato capace di vedere oltre. Restauro mobili, lo sai? No, non che puoi saperlo. Ma uso le mani per grattare via l’età dal legno.

Capita spesso, nella solitudine della polvere di quella vernice ostinata, di avere la sensazione che le schegge di tanta vecchiezza mi finiscano addosso, accentuandomi una ruga, increspandomi ancor più i capelli.

Quella sera credo sia successo: tanti di quegli anni che tolgo via dal legno, li hai visti tutti su di me, uno a uno, fino all’ultimo.

Ho cercato di incontrarti ancora non so più quante volte, senza mai riuscirci. I nostri portoni si affacciano su strade diverse e mi limito ormai ad assistere solo a ciò che accade dietro quella tua finestra.

Ti senti mai solo, amore mio? Cerchi mai qualcosa, al di là del vetro, di cui la tua vita ti sta privando? Se io sparissi, mi cercheresti?

A volte m’immagino di fronte a te, col coraggio negli occhi di dirti: «Ciao, mi chiamo Anna» e poi oso nel sognare che mi afferri la mano, con lentezza, che me la apri baciandomi il palmo.

Non so più quanti baci custodiscano i miei pugni vuoti.

***

E’ il terzo giorno che la signora Iole salta il suo appuntamento mattutino e che di sera, pur con le tapparelle sollevate, le luci nella stanza restano spente.

Non escludo pertanto che la povera signora Iole sia morta nel suo letto, forse ancora con il trucco fuso e il mollettone appoggiato sul comodino.

Ma a conti fatti, dev’essere senz’altro trapassata di giorno, la defunta signora Iole, per via delle serrande, forse proprio mentre preparava il suo tè delle sette e mezzo.

Cerco d’immaginarne il cadavere anche mentre entro nel box della reception, con il sorriso contraffatto e lo sguardo muto per non tradire le imprecazioni che nascono a fior di labbra per i clienti che pretendono il loro taxi entro dodici minuti e tre secondi. Esatti.

Odio i clienti. Almeno tanto quanto la defunta signora Iole, in decomposizione nella sua stanza, con il suo circense mollettone di strass.

Chissà se sarà stata aggredita o sarà stato invece un malore. Se il suo telefono squillerà a vuoto nella stanza. Se i suoi occhi saranno aperti o chiusi. Se avrà gridato prima di morire.

Al mio rientro, vedo che le tapparelle sono ancora sollevate. E il giorno dopo ancora, la signora Iole non c’è, alla finestra. Sì, credo ormai che la defunta signora Iole sia piuttosto morta.

***

Cercami. Io sono qui. Non conosco altro che la mia assenza per sperare d’essere dentro di te.

***

Neanche una Iole nella bottoniera dei campanelli. O una Iolanda. Solo una Anna Ioleandri. E’ quindi possibile che la defunta signora Iole si chiamasse Anna Ioleandri.

Chissà se ci sono piante nell’appartamento della defunta Iole Anna. Magari piante solidali che stanno decomponendosi insieme a lei. E cosa aveva indosso mentre trapassava. Forse ancora la sua vestaglia. Lilla. Un colore che proprio non si addice a un cadavere. Ma certo è ovvio, non credo che la defunta Iole Anna sappia o abbia mai saputo come si muore con decenza. Anzi, avrà pure da morta una sua posa scomposta e inopportuna.

Sì, mi piace il nome Ioleanna. Qui giace la signora Ioleanna che ignorava ogni cosa, soprattutto se stessa.

Questa sera, però, le tapparelle del suo appartamento sono abbassate e le luci accese.

Se non è il becchino che è venuto a prendersela, è probabile che la defunta Ioleanna non sia poi così defunta.

Buon per lei.

 

Poesia Onesta 2015A sinistra, la sottoscritta. A destra, l’assessore alla cultura Angese Tramonti.


Una recensione del mio “Bowling e margherite”

Il club dei libri ha letto il mio “Bowling e margherite”, edito dalla Las Vegas edizioni nel 2011, e mi coccola con questa recensione.


All’incirca

orologio a pareteIn casa, appeso in soggiorno, ho un orologio a parete, di quelli analogici con i numeri scritti sul quadrante e le lancette che ci passeggiano sopra a vista.

E’ un orologio pigro, il mio. Non so se perché gli orologi, col passare degli anni, tendano ad assomigliare ai proprietari, ma tant’è. Il mio, ogni tanto, perde qualche minuto e devo andare lì, con le dita, a muovere in avanti la lancetta.

Questa cosa che puoi di fatto toccare il tempo, mi è sempre piaciuta tanto. Che puoi spostarlo a mano. Non è come rimettere l’ora esatta di un display digitale, con un impersonale touchscreen o un tastino da premere. No, tu vai proprio lì, sul quadrante, ed eserciti una pressione fisica sulla lancetta.

E ti accorgi che il tempo, dopotutto, è leggero e maneggevole. Si limita a una resistenza lieve, quasi rotonda contro il polpastrello, quel tanto da sollecitare la volontà, ma niente di più; si lascia spostare in quel suo movimento circolare, fatto d’aria (e pure di polvere).

Che poi guardi il risultato e pensi: tutto qui? Ho appena spostato in avanti il Tempo. Ti ripeti la frase: ho spostato il tempo, guardi lo scarto dei minuti che hai perso. Ti chiedi: ma li ho davvero persi? Se rimettessi la lancetta dov’era prima, quindi, li riguadagnerei?

Ho l’impressione che questo mio orologio cerchi ogni volta di comunicarmi qualcosa. Forse semplicemente: cambiami, ché un orologio pigro non è un orologio; il tempo è esatto, io no.

Ma in fondo, il tempo esatto non esiste. Gli orologi segnano un tempo che non coincide mai con il mio. Quindi esatto per chi?

E quei minuti allentanti come un elastico troppo usato, mi piacciono così come sono – asincroni rispetto agli altri – anche quando rischiano di farmi arrivare tardi.

Il mio orologio tende ad avere una personalità propria e io la rispetto.

Ho sempre avuto questo strano rapporto con gli orologi. Per esempio, quello che avevo in auto, nella mia vecchia Clio, analogico pure quello, aveva la luce difettosa. Pertanto di sera, col cruscotto illuminato, lui restava al buio, come se dormisse. E se volevo vedere l’ora, dovevo andare lì, ticchettarci sopra con il dito e lui si accendeva.

L’ora che riportava non era mai quella esatta, siamo d’accordo, però era sempre quella più giusta possibile: all’incirca.


La collezione Lancourt in versione galattica

Quando si dice una recensione originale.

Guida galattica per cuochi di Simone Borselli si prende cura della mia Collezione e della mia pancia.


Invecchio i libri

Libro apertoC’è stato un periodo della mia vita in cui sono stata molto gelosa dei miei libri, tanto che li sfogliavo con estrema cautela, aprendo il volume con studiata misura, il minimo necessario per infilare lo sguardo fra le pagine, evitando l’esercizio di una pressione eccessiva sulla rilegatura.

Ecco, sì, ritengo che fanatismo sia il termine esatto.

Oggi che mi reputo maturata –  ma sono punti di vista, diciamo quantomeno cresciuta in termini di età – il mio rapporto con il libro si è capovolto. Non tanto nella lettura in sé, che è rimasta molto simile a se stessa anche se di certo è più consapevole, quanto nell’approccio fisico con il libro: apro bene le pagine, le spalanco alla lettura, le schiaccio se necessario, piego all’occorrenza l’angolo in alto della pagina.

Spesso, se una frase mi genera un sussulto perché rivela un pensiero in agguato, un ricordo, una corrispondenza, piego addirittura la pagina a metà per lasciare la presenza di un passaggio, come una ruga, conferendo al libro un’identità precisa che forse è la mia stessa, perché in fondo la sottolineatura tracciata è simile a quella definita in qualche modo dentro di me.

Le mie letture migliori sono sempre quelle che, girata l’ultima pagina, fanno assomigliare il libro a un oggetto spossato. Difficile poi separarsene subito costringendolo nella mia libreria. Di solito lo lascio respirare ancora un po’ sopra qualche mobile, bene in vista, con il suo segnalibro di fortuna a riposo fra una pagina e l’altra: un biglietto del treno, un disegno di mia figlia, un nastro di raso.

E’ vero, lo ammetto: un libro sotto la mia lettura invecchia. Però mi dico che – forse – è così perché lo faccio vivere.

D’altronde non è giusto che, invecchiare, io sia la sola a farlo.


“La collezione Lancourt” Presentazione del 28 giugno 2013

Un assaggio fotografico della presentazione tenutasi presso la Feltrinelli di Ancona il 28 giugno

foto 2

foto 3

foto 4

foto 5

foto 6 bn

A destra: la bravissima relatrice Olivia Ulivi

Con la relatrice Olivia Ulivi

Per maggiori informazioni:

http://www.lasvegasedizioni.com/catalogo/las-cerezitas/la-collezione-lancourt/


Lo sguardo di Sabine

icona copertina

«Ho un appuntamento con i signori Lancourt.»
«Buongiorno, Sabine» salutò il padre con calore.
I fratelli Lancourt videro entrare Sabine per la prima volta nella loro vita. E non furono tanto i lunghi capelli castani raccolti forse per l’occasione, né la ricchezza disegnata in modo perfetto sulla sua bocca, quanto il suo sguardo a turbare subito la casa, fu quella timidezza contenuta nel suo verde indiscreto.
Sabine sbirciò il tappeto sul quale stava posando il piede, poi li appoggiò subito tutti e due, quasi con un salto, come se fosse entrata in un mondo instabile e avesse paura di cadere.
«La stavamo aspettando» disse la signora Lancourt arrivando anche lei, con un lieve sorriso, forse più cauto di quello di suo marito, ma di certo abituato alla cordialità.
Sabine salutò con un cenno della testa, stringendo fra le mani un libro, aggrappata alla copertina di pelle, poi tornò con gli occhi sul signor Lancourt, giusto un attimo, li spostò sulla domestica che aspettava di poter chiudere la porta, li soffermò un istante di più sulla signora Lancourt e poi − Jerome lo notò − lo sguardo di Sabine si addentrò nel salone incontrando quello di François che si era alzato dal divano, per etichetta, e lì lo sguardo di Sabine si era fermato per un lungo tempo. Un tempo interrotto, aveva sempre pensato Jerome ricordando quel pomeriggio, perché lo sguardo di Sabine non lo raggiunse mai, quel giorno.

Tratto da “La collezione Lancourt”

Per saperne di più clicca qui